.
Annunci online

Ciociaria Visite in Ciociaria
21 luglio 2011

A Frosinone si inaugura il distributore dell'Acqua Comune

Luciano Bracaglia: Sabato 23 luglio alle 10 Inaugurazione del Distributore dell'Acqua Comune. Dove? Di fronte la Villa Comunale a lato del distributore del latte.

"Sono stato invitato, con immenso piacere e colgo l'occasione per ringraziarli, dal Sindaco e dall'assessore Raffa, all'inaugurazione del nuovo distributore dell'acqua  comune che tanto ho desiderato (un giorno scherzando dissi: "Non morirò, fin quando non avrò visto realizzato il sogno della Casetta dell'acqua!!!".

Mi è stato chiesto anche il logo dell'associazione da inserire nel materiale di diffusione pubblicitaria, quale meritato riconoscimento al contributo che ho dato a tale progetto.

Ricordo a tutti che sto caldeggiando questo progetto dal lontano marzo 2009 e che per tale motivo misi in piedi il blog che tanto successo sta ottenendo.

Comunque, per arrivare a questo ambito traguardo, è servito il serio impegno dell'assessore Raffa che su commissione del sindaco Marini, lo ha saputo portare a compimento con opportuna diligenza e serietà professionale.

Vi prego quindi, caldamente, di onorare il nome dell'associazione FR B&B, con la vostra gradita presenza, all'inaugurazione, non dimenticando che questo progetto/evento è di notevole importanza, sia a livello di risparmio economico per i cittadini che in termini di riduzione dei rifiuti PET e dell'inquinamento dovuto al trasporto e al riciclaggio.

Desidero sensibilizzarvi affinché veniate ad attingere  alla fonte (acqua refrigerata naturale e acqua refrigerata gasata), rigorosamente forniti di recipienti in vetro.......

Chi volesse farlo con quelli in plastica, non darebbe, secondo me, un grande contributo a quanto precedentemente espresso.

Vi ricordo che se la fase sperimentale avrà il successo atteso, altri distributori saranno presto installati anche nelle restanti circoscrizioni di Frosinone.

Ringrazio in anticipo quanti vorranno partecipare.

* Frosinone 19 luglio 2011. Luciano Bracaglia dell'Associazione "Frosinone Bella e Brutta".



2 giugno 2011

Salviamo e ri-scopriamo le Terme romane di Frosinone

Le associazioni culturali tornano ad essere impegnate a Frosinone. L’archeologia il nuovo fronte aperto dopo i primi reperti venuti alla luce nella zona di De Matthaeis. Anche qui una nuova colata di cemento in una zona che è già un far west urbanistico e che potrebbe peggiorare. Il polmone verde della villa comunale attorniato da nuovo cemento. L’unica cosa riconoscibile nel capoluogo è proprio il caos urbanistico ma non si vedono soluzioni che vanno nel senso opposto. “Appartamenti e abitazioni che si continuano a realizzare ma che non si vendono e non si affittano ma si scambiano tra le banche e gli speculatori. E’ la cosiddetta bolla speculativa” come spiega un ambientalista della provincia ma che non abita a Frosinone.

 Le associazioni riunite in una Consulta, con ben 22 sigle, hanno ora preso a cuore il problema. Si stanno dando da fare, il portavoce Francesco Notarcola, Luciano Bragaglia e gli altri, vogliono salvare i resti e rilanciare la città rilanciando la storia della città. Vogliono rendere fruibili le terme, creare una area museale con tutti i reperti ritrovati e nascosti, pubblicare una carta archeologica della città e creare un gruppo regionale di tutela ambientale artistico. Vogliono ridurre poi il potere, quello negativo, che hanno le soprintendenze che in molti casi inciuciano con i Comuni. Soprintendenze più delle volte più vicine alle esigenze dei Comuni che dei cittadini, delle generazioni future e dello sviluppo positivo della città.
















La posta in gioco è alta e spiega lo scontro duro che è in atto. Ci sono i beni comuni da tutelare e gli interessi dei privati. I cinque punti delle associazioni sono semplici che vogliono cambiare totalmente la città che è stata sempre carente anzi sempre assente su questi aspetti. Il gruppo sta facendo parlare cittadini e la stampa si sta interessando a tutta la questione, stanno facendo conoscere, gli appartenenti alla consulta delle associazioni, ben dodici ambienti di epoca tardo romana del IV° e V° secolo dopo Cristo. E altri ritrovamenti parlano di “fossette” con resti preistorici.

Una vera rivoluzione per Frosinone. Tra un anno si voterà pure a Frosinone e le associazioni hanno capito che potrebbe essere l’occasione buona; svegliare la città, dare la scossa. Come è successo a Napoli dove de Magistris ha “scassato” la città. Non è successo, purtroppo, a Sora ma ora c’è l’occasione di Frosinone. A Sora per colpa di piccole e grandi lobby, di corporazioni che hanno remato all’indietro il progetto si è arenato. Il momento è buono per il capoluogo per arrivare a “sfasciare” la città per poi ricomporla senza farci avanzare nessun pezzo.

 Per tornare alle terme romane ci sarà a breve una visita guidata nel cantiere e ulteriori riunioni in commissione consiliare (giovedì 9 giugno dalle 10) per far conoscere ai cittadini tutto quello che è venuto fuori. La foto dal blog: Frosinone Bella e Brutta.


giugno        agosto
in evidenza

29 dicembre 2010 La fine dell'anno La fine dell'anno è arrivata. Il primo decennio del  XXI secolo si è concluso. Ho riascoltato i discorsi di fine anno dei nostri Presidenti della Repubblica. Qualcuno leggeva altri andavano a memoria. Gli argomenti? Disoccupazione, emigrazione, terrorismo, studenti, assassini comuni e politici.  la costanza di tali elementi  mi è ... (continua) Leggi tutto

chi sono
Ciociaria
I libri per chiarelettere

I nuovi mostri
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

Italiopoli
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

prossimi appuntamenti
Tutti gli appuntamenti
archivio



Blog letto 1 volte
bacheca